giovedì 12 dicembre 2013

i Designer diventano autoproduttori

Piccoli progettisti indipendenti entrano nel mercato dei regali di Natale. 

Da qualche anno si sta discutendo sul tema dell'  autoproduzione  ovvero il designer è diventato il realizzatore della sua opera.
Il tema dell’autoproduzione, attualissimo nelle scuole di architettura e presso i giovani designer, è un canale di ricerca e promozione professionale sempre più praticato e si pone allo stesso tempo come stimolo e alternativa ai prodotti delle storiche aziende dell’ Interior e industrial design.

I designer sottolineano la possibilità di una strada diversa da quella del mercato tradizionale, in cui il progettista diviene il regista dell’intero processo: progettuale, costruttivo e distributivo.

Produttori e progettisti indipendenti significa, però dover affrontare la fatica di emergere, di trovare i fondi per riuscire a produrre i propri pezzi. 
Il design, segnala la propria presenza attraverso siti dedicati all’autoproduzione nei quali progettisti indipendenti ed emergenti mettono in vendita i propri manufatti saltando gli intermediari, approfittando dell’occasione per ritagliarsi una porzione nel mercato e per attirare l’attenzione sulle loro creazioni, soprattutto approfittano del mercato dei regali di Natale.

Anche le istituzioni del design e dell’arredo iniziano ad interessarsi di autoproduzione.
Non a caso D2C Designer to Consumer, con il patrocinio di ADI - Associazione per il Disegno Industriale - Delegazione Veneto, Trentino e Alto Adige bandisce il concorso per la Selezione di progettista autoproduttori Attivi, che esporranno gratuitamente all'evento  che si terrà dal 14 al 16 e il 22, il 23 marzo 2014 nell'ambito della fiera ARREDO Organizzata da Fiera Bolzano.
Per  info e inscrizioni:  http://www.fierabolzano.it/arredo/autoproduzione.html 
                         http://www.fierabolzano.it/arredo/bando.html


SCADENZA BANDO DI PARTECIPAZIONE: 31 dicembre 2013



























































































 
 

 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento