martedì 18 febbraio 2014

Idee home staging: Il giardino verticale


Casa - Ufficio dove vuoi, vivi in mezzo al verde!

Abbiamo già visto in un post precedente  "Hai mai fatto il check-up alla tua casa", come l'ambiente domestico, attraverso elementi necessari alla nostra sopravvivenza come impianti di riscaldamento o di climatazzazione, materiali con cui è stato costruito l'edificio stesso o semplicemente dal consumo di detergenti per la pulizia della casa o dell'igiene personale ecc. il nostro ambiente domestico, sia fonte,spesso, di danno alla nostra salute. 
Come possiamo difenderci da tutto ciò almeno all'interno delle nostre mura domestiche o lavorative? Una soluzione, da me utilizzata ormai di consuetudine e che trova consenso e successo tra i miei clienti è l'aiuto del verde!

Che si tratti di una parete in un soggiorno, magari che presenta delle imperfezioni o esclusivamente come complemento d'arredo, spesso valorizzato con giochi di luce, che si tratti di un terrazzo o  un ufficio, i giardini verticali danno un valore aggiunto alla proprietà e utilizzando piante adatte alla purificazione dell'aria diventano fonti di benessere. 
Il verde è il colore della natura ed ha la caratteristica di trasmettere un senso di pace, equilibrio, speranza, rinnovamento e armonia. Nei luoghi di lavoro hanno il potere di ridurre stress e quindi rendere le persone più effcienti. 

Belli e pratici, i giardini verticali, vere e proprie pareti verdi che possono essere personalizzate e quindi perchè non approfittare di piante adatte alla purificazione dell'aria! Realizzabili con svariati tipi di piante e piccoli arbusti, i giardini verticali possono essere montati a parete o con soluzioni autoportanti e fai da te disponibili in Kit dall'Azienda Green Habitat
Centro benessere RomaIndoor Venezia                      

Le foto sono della foto Gallery dell'Azienda Green Habitat specializzata nel settore del verde.                                                                                                                              

Nessun commento:

Posta un commento